Riprendiamo e pubblichiamo il comunicato stampa di ISDE ITALIA (Medici per l’Ambiente) che, grazie al loro operato e alle loro denunce, “è stata la prima organizzazione nazionale che si è occupata della problematica dei PFAS per la salute umana, conducendo uno studio sulla mortalità associata a PFAS nella zona contaminata che ha evidenziato un eccesso significativo di mortalità e chiedendo uno screening sulla popolazione (settembre 2013) che solo nel 2017 la regione iniziò a fare ma limitandolo alle fasce di età 14-65 anni, escludendo donne in gravidanza, neonati, bambini e anziani che sono le fasce della popolazione più sensibili agli effetti nocivi degli interferenti endocrini”.Leggi

Medici che curano l’ambiente. Loro sono ISDE Italia, associazione nata nel 1990 e riconosciuta dalle Nazioni Unite e dall’OMS. Che ambiente e salute siano due tematiche strettamente collegate, ce lo ha ricordato anche Papa Francesco nella sua Enciclica Laudato sì-Leggi