FireShot Capture 2 - (2) Il Grande __ - https___www.facebook.com_notes_il-g Che cosa può succedere se il Movimento No TAV, attivo da quasi trent’anni contro la costruzione del Treno Alta Velocità in Val Susa, si mette a parlare di alta felicità, farfalle e tutela della natura, cultura, informazione indipendente?

Se presenta con dati e factcheking le proprie ragioni di opposizione alla grande opera, tanto da convincere Karima Delli, deputato francese del movimento ecologista a capo della Commissione Trasporti del Parlamento europeo, a chiedere una moratoria?

Il corto circuto è assicurato. Spiazzante, soprattutto per i media che, in questi oltre 27 anni, non hanno saputo raccontare, alla pubblica opinione, le ragioni di una lotta civica e civile che si oppone al cantiere più militarizzato d’Europa.

Il livello di competenza raggiunto da tecnici ed esperti tra cui ingegneri e docenti universitari, riuniti nel ControOsservatorio ValSusa, nell’indifferenza generale, è ormai tale da raggiungere la presentazione di un esposto alla Procura di Roma contro la decisione del Parlamento italiano che a fine dicembre 2016 ha ratificato l’accordo tra Italia e Francia sulla Torino Lione.

Forse ancora una volta, queste genti colte, dipinte come “facinorosi montanari”, che vivono in una valle bellissima, in questi giorni ostaggio delle fiamme degli incendi che la stanno mettendo a dura prova, sulla quale sussistono già un’autostrada, due statali, una linea ferroriaria in cui passano i treni ad alta velocità come il TGV francese, ci stanno dando una bella lezione.

A cui bisogna dare ascolto, anche per capire le ragioni di quel no e farsi liberamente una propria opinione.

L’occasione per conoscere da vicino questa comunità variegata è certo il Grande Cortile No Tav, una serie di incontri culturali che partono da oggi, 26 ottobre 2017. Eventi che portano il simbolo della farfalla Zerynthia polyxena, protetta da una direttiva europea, rinvenuta proprio in Alta Val di Susa. Il simbolo della natura che si oppone alla cementificazione. Ma anche il simbolo di una trasformazione, che è quella data dalla resilienza che passa anche attraverso il dialogo e la cultura. Nel programma tra gli altri, giornalisti, scrittori, filosofi come Loris Mazzetti, Gianni Barbacetto, Duccio Demetrio, Tiziana Barillà, Chiara Sasso.

Proprio con Gianni Barbacetto, autore dell‘ultimo reportage su Il Fatto Quotidiano che fotografa le vicende intorno al TAV,  chi scrive si ritroverà a parlare di libertà di informazione, venerdì 10 novembre 2017 a Sant’Ambrogio di Torino, proprio sotto il simbolo della valle e del Piemonte, la Sacra di San Michele. Un incontro di riflessione sul giornalismo indipendente (e non) e sul giornalismo d’inchiesta in Italia e all’estero, cercando di capire le cause di una generale disinformazione su quanto accade in Val Susa.

Situazione che, come abbiamo già documentato con le nostre inchieste, che ritroviamo in molte altre zone d’Italia, dove anche la mancanza di accesso alle informazioni ai cittadini e alle comunità, ha portato a conflitti ambientali poderosi. Anche per questo riparlermo di Freedom of Information Act. E di quella resilienza e reattività che, con il sostegno dei cittadini, continueremo a documentare anche attraverso il progetto Storie Resilienti.

Il programma de “Il Grande Cortile No Tav”

Giovedì 26 ottobre 2017

Villar Focchiardo ore 21,00, Cascina Roland, Via Antica di Francia, 11
In collaborazione con il comune di Villar Focchiardo.
Loris Mazzetti giornalista e scrittore, dirigente Rai, collaboratore di Enzo Biagi, presenta l’ultimo libro: la Profezia del Don Andrea Gallo, distribuito dal Fatto Quotidiano; fra altre pubblicazioni anche “Tav: Il treno della discordia” (2012).
Liliana Zaccarelli, una delle presenze storiche della Comunità San Benedetto al Porto. Insieme a Don Gallo dall’inizio degli anni ’80.

***

Venerdì 10 Novembre 2017

Sant’Ambrogio di Torino ore 21,00, Sala consiliare
Piazza XXV aprile, 4
In collaborazione con il Comitato santambrogese No tav e vigilanza cave e con il patrocinio del Comune di Sant’Ambrogio di Torino.
Gianni Barbacetto, scrittore e giornalista de Il Fatto Quotidiano, autore di numerosi libri inchiesta su Mani pulite la vera storia, Mani pulite vent’anni dopo, Il grande ballo dell’Expo e altro ancora.
Rosy Battaglia, giornalista d’inchiesta freelance, della Federazione Italiana Media Ambientali e fondatrice di Cittadini Reattivi – progetto di informazione indipendente su ambiente, salute e legalità, tra i promotori del Freedom of Information Act italiano.
Affronteranno i seguenti temi:
Riflessioni sul giornalismo e sul giornalismo d’inchiesta in Italia e all’estero.
Analisi della generalizzata disinformazione a livello nazionale su quanto accade da oltre venticinque anni in Valle di Susa.
La libertà di stampa e il diritto all’informazione nella Carta Costituzionale e nel Freedom Information Act italiano.

***

Martedì 21 Novembre 2017

Condove ore 21,00, Biblioteca comunale
Via Roma, 1
In collaborazione con il Comune di Condove e con il Gruppo Cattolici per la Vita della valle.
Duccio Demetrio, ha insegnato Filosofia dell’educazione all’Università di Milano Bicocca. Ha fondato e dirige la Libera università dell’autobiografia e la Scuola di sociologia narrativa di Anghiari e l’Accademia del silenzio.
Colloquierà padre Beppe Giunti, frate conventuale su: La religiosità della terra non è una devozione neopagana e nemmeno un culto. E’ un modo di sentire umano tra i più immediati e istintivi. E’ meraviglia, commozione, sgomento. Sia il credente sia il non credente, dinanzi alla natura, non possono che provare identiche emozioni. Per questo oggi è necessaria una comune fede civile, un’alleanza feconda nella custodia del mondo, tra tutti coloro che intendono opporsi alle aggressioni, alle negligenze, ai saccheggi contro la nostra terra.

***

Mercoledì 29 Novembre 2017

Avigliana ore 21,00, Auditorium Bertotto, Scuola Defendente Ferrari
Via Cavalieri di Vittorio Veneto, 3
In collaborazione con il comune di Avigliana.
Tiziana Barillà, giornalista de il Salto presenterà il libro Mimi Capatosta, Mimmo Lucano e il modello Riace (Fandango libri).
La straordinaria esperienza di un piccolo paese della Locride, Riace, del suo coraggioso sindaco Domenico Lucano, ultimamente messo sotto attacco.
Ne parlerà con Chiara Sasso, autrice de Riace Terra di Accoglienza (ed Gruppo Abele), libro dal quale è stata tratta la fiction con Beppe Fiorello, per la Rai in onda febbraio 2018. Maurizio Piccione, Coop Amico e Progetto micro accoglienza in Bassa Valle di Susa.