A questo link , sul sito di Ambiente Brescia curato dal prof. Marino Ruzzanenti, storico dell’ambiente e autore del libro “Un secolo di cloro e PCB“, l’aggiornamento del studio SENTIERI, (Studio Epidemiologico Nazionale dei Territori e degli Insediamenti Esposti a Rischio inquinamento), presentato durante il convegno annuale dell’Associazione Nazionale dei Registri Tumori (AIRTUM) e reso noto all’opinione pubblica con la trasmissione “Presa diretta“.

Nei dati  presentati da Pietro Comba e Paolo Ricci, rispettivamente dell’Istituto Superiore di Sanità e Osservatorio Epidemiologico ASL Mantova per la prima volta si mette in evidenza l’incidenza dell’insorgere dei tumori nella popolazione bresciana e non solo la mortalità, dovuta alla contaminazione da PCB :  +58% tumori al fegato, +20% linfomi non hodgking , + 26% tumore al seno.

Tra gli interventi necessari, per limitare la sua entrata nel ciclo alimentare e di conseguenza nel metabolismo umano, come dichiarato da Paolo Ricci a Presa Diretta “Bisogna cominciare lo screening alle donne incinte che devono allattare, perchè il Pcb passa dal latte materno”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.