La crisi sanitaria innescata dal Covid-19 ha portato alla luce, ancora una volta, ma in modo se possibile ancora più evidente, l’importanza degli Open Data. Quei dati aperti che se resi noti dalla Pubblica Amministrazione ai cittadini, se ben gestiti, in formato interoperabile e aperto, possono incidere sulle nostre vite. In meglio.

Quali sono i processi che dobbiamo attuare per liberare i dati e le nostre vite?
In occasione dell’Open Data Day, lo scorso 6 marzo ne abbiamo parlato in piena libertà con persone dell’attivismo civico, delle istituzioni e della società civile che hanno a cuore il tema da molti anni e che durante la crisi covid non hanno mai smesso di chiedere trasparenza.

Puoi rivedere la diretta direttamente dal nostro canale YouTube.


Ringraziamo per la regia e per averci sollecitato Francesco Piersoft Paolicelli e tutti coloro che sono interventuti, in ordine di apparizione: Marco Talluri, Flavia Marzano, Ernesto Belisario, Giorgia Lodi, Daniela Vellutino, Francesco Nosari, Alessandro Nestola, Matteo Massenzio, Leonardo Ferrante, Daniele Crespi, Nino Galante.
Ringraziamo anche Umberto Rosina e Andrea Borruso che non sono potuti intervenire e tutti coloro che ci hanno seguito nella mattinata. L’evento registrato su opendataday.org, è stato promosso da Cittadini Reattivi APS in collaborazione con Francesco Piersoft Paolicelli, Diritto di Accesso Civico, laboratorio di didattica sperimentale per la comunicazione pubblica dell’Università di Salerno, ideato dalla prof.ssa Daniela Vellutino.

********

Per essere sempre aggiornati sulle nostre attività vi consigliamo di iscrivervi alla nostra newsletter. Potete seguirci su tutti i social (Telegram, Face-book pagina e gruppocanale YoutubeTwitterInstagram). Qui tutti i no-stri bilanci  e lo statuto della nostra associazione.
Potete continuare a sostenere la nostra attività di giornalismo civico indipendente e di advocacy della nostra associazione con una donazione su Paypal o sul nostro c/c su Banca Etica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.