Le immagini del fiume Olona, uno dei corsi d’acqua più inquinati d’Italia e d’Europa hanno fatto nei mesi scorsi il giro del web e tv. Da mesi, infatti il corso d’acqua a partire dal comune di Fagnano, appare ciclicamente invaso da schiuma.

I cittadini, i comitati e Legambiente oltre allarmare media e opinione pubblica, si sono attivati per richiedere l’intervento decisivo delle istituzioni. La richiesta è quella di salvare un fiume ed una valle amati dalle comunità, anche grazie all’istituzione del Parco del Medio Olona, un Parco dell’Acqua per la depurazione e una pista ciclopedonabile che si allunga da Castellanza a Castiglione Olona, frequentatissima.

Per farlo si sono armati di buona volontà, dando per primi l’esempio: pulendo gli argini, riqualificando aree industriali dismesse, creando approdi. Una mobilitazione nata dal basso a cui ha fatto seguito l’intervento della Procura di Busto Arsizio lo scorso 23 maggio. La ricostruzione nel web doc.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.