Il Sin di Sesto S. Giovanni, area ex Falck, è stato istituito con la legge n. 388 del 2000, comprende una superficie di 2.550.000 metri quadri. La contaminazione è legata alle attività industriali insediate nel territorio di Sesto San Giovanni all’inizio del secolo scorso.

Il primo insediamento delle industrie siderurgiche Falck nel comune di Sesto San Giovanni risale infatti al 1906, al quale ha fatto seguito un grande sviluppo industriale con la crescita degli stabilimenti e la diversificazione delle attività.

Il Sin si trova collocato in una delle zone più popolose e urbanizzate della regione Lombardia ed è suddiviso in 13 aree, di cui alcune ancora in attività, alcune dismesse e altre soggette a progetti di riqualificazione.

Nella perimetrazione del sito di interesse nazionale sono incluse le aree industriali, il cui onere di bonifica ricade sulla attuali proprietà, oltre ad aree esterne alle industrie, soprattutto ricadenti nella valle del Lambro.

La storia del SIN di Sesto San Giovanni è al momento una storia di mancate bonifiche, con una falda acquifera sotto stretta sorveglienza e con il progetto di una “Città della Salute” che dovrebbe realizzarsi su una delle aree più vaste (la Ex- Falck di circa un milione e mezzo di metri quadrati) ma anche delle più contaminate.

Negli anni passati molte procedure di bonifica sono state interessate da indagini amministrative o da procedure giudiziarie.