In che modo la tecnologia può agevolare la cittadinanza attiva? Come è iniziato e come si è evoluto l’‪#‎attivismodigitale‬ in Italia? Come dovrebbero rapportarsi le istituzioni alle pratiche di cittadinanza digitale per provare a colmare il fossato di disaffezione e sfiducia creatosi negli ultimi anni tra cittadini e politica? Sono

Riportiamo il comunicato di Foia4Italy sull’incontro con il Governo del 22 febbraio per discutere sulle proposte avanzate dalla società civile sullo schema di decreto sulla trasparenza approvato a fine gennaio. Foia4Italy è da tempo impegnata nella battaglia per una vera legge sul diritto di accesso dei cittadini alle informazioni detenute

dal coordinamento di FOIA4Italy Il Consiglio dei Ministri del 20 gennaio ha approvato in via preliminare lo schema di decreto sull’accesso ai dati e ai documenti delle pubbliche amministrazioni. Si tratta del decreto attuativo della Legge Madia di Riforma della Pubblica Amministrazione (Legge n. 124/2015) che, nelle intenzioni del Governo

Cittadinanza consapevole e partecipe al bene comune. Anche e soprattutto esercitando il diritto all’accesso civico ai dati “detenuti” dalla Pubblica Amministrazione. E’ questo l’oggetto della nuova compagna #FOIA4Italy, lanciata nelle settimane scorse dalla società civile italiana, attiva da anni su trasparenza, libertà di informazione, accesso agli open data. FOIA  è

Legaleaks by @dirittodisapere

Il manuale per le istruzioni ad uso e consumo del perfetto “cittadino reattivo” c’è già. Da gennaio 2013 è online LegalLeaks, il primo manuale sull’accesso all’informazione dedicato a cittadini e giornalisti. Come abbiamo riscontrato incontrando persone e rappresentanti di comitati e associazioni, l’accesso agli atti della Pubblica Amministrazione è una pratica