Le prime pagine dei giornali di questi giorni ci hanno scioccato tutti: la responsabilità delle oltre tremila vittime per l’amianto dell’Eternit e di uno dei peggiori disastri ambientali della storia italiana è stata cancellata dalla prescrizione.   Noi non ci stiamo e vogliamo subito mettere fine a questo incubo. Per questo abbiamo lanciato un appello e ti chiediamo di unirti a noi.    L’orologio della prescrizione deve fermarsi non appena viene nominato un giudice che comincia a lavorare, congelando i tempi per evitare che si creino intenzionalmente ritardi. Vogliamo una prescrizione che smetta di decorrere dal momento dell’esercizio dell’azione penale, cioè da quando il Pubblico ministero affida il procedimento al giudice. In tal modo, se l’azione giudiziaria inizia anche un giorno prima che il reato cada in prescrizione, il processo non si ferma e arriverà a giudizio.

Firma ora: www.riparteilfuturo.it/prescrizione

Oggi la prescrizione è diventata un modo per difendersi dai processi, e non nei processi.   In Italia ci vogliono 500 giorni per arrivare ad una sentenza di primo grado e abbiamo una media di 165mila prescrizioni all’anno che costano allo Stato circa 84 milioni di euro.   Altri numeri? Sulla corruzione, ad esempio: ci sono ad oggi solo 11 persone in carcere per questo reato, sempre grazie all’effetto della prescrizione.   Vogliamo una prescrizione che abbia un effetto di garanzia e non sia un privilegio.

FIRMA

      Basta impunità, vogliamo #lafinedellincubo ORA.

petizione con la collaborazione di change.org

Se vuoi contattarci scrivi a info@riparteilfuturo.it