Parte da una delle regioni più belle ma più inquinate  d’Italia,  la Campania (la terza per numero di siti contaminati censiti), la rivolta di una grossa rete di cittadini, associazioni, comitati ed istituzioni uniti per ottenere la bonifica del Parco nazionale del Vesuvio, che verrà sollecitata alle istituzioni a vari livelli, insieme ad almeno mille volontari provenienti dal tutto il mondo.

Fra poche ore alle pendici del vulcano partirà, infatti, Let’s Do It! Vesuvio, grande clean up organizzato da Let’s Do It! Italy che ha già iniziato da febbraio un progetto di geolocalizzazione attraverso il quale i cittadini possono segnalare da smartphone la presenza di discariche abusive.

L’evento di pulizia, che sarà il culmine della due giorni di eventi dell’8 e 9 giugno, andrà in scena domenica 9, dalle 10 alle 14 circa. I luoghi di ritrovo sono tre luoghi simbolo dell’emergenza rifiuti: via Montagnelle, Torre del Greco; via Campitelli a Terzigno e via Pisacane a Trecase.

Una festa dell’ambiente che comincerà sabato 8 giugno, con una serie di iniziative e convegni che si svolgeranno a Ercolano, fra via IV Novembre e corso Italia. Il MAV, Museo Archeologico Virtuale, ospiterà per tutta la giornata conferenze e tavole rotonde, cui prenderanno parte rappresentanti istituzionali locali ed esperti, per discutere di rifiuti e delle problematiche del Vesuvio. Si comincia alle 10 e gli incontri sono aperti a tutti, gratuitamente. Corso Italia, invece, sarà animato, dalle 10 alle 19, da un mercatino in cui associazioni, cooperative e privati cittadini esporranno i loro prodotti, progetti e idee, rigorosamente ecosostenibili.

Da segnalare, la Festa del colore, domenica 9, alle 10,30, a cura dell’Associazione Culturale L’Albero Vagabondo, che verrà composto dai rifiuti raccolti in montagna, nelle discariche ai piedi degli alberi. Un’installazione che nasce dall’esigenza di salvare le montagne dall’indifferenza dei suoi abitanti grazie alle favole e ai disegni dei più piccoli, che saranno pubblicati sul sito e appesi agli alberi, nei luoghi dove i grandi sversano i loro rifiuti indiscriminatamente.

Tante le associazioni aderenti:  CleaNap; Libera; Scout CNGEI Campania; Legambiente Campania; Zero Waste; ANPANA; Croce Rossa Ercolano; Mamme Vulcaniche; Amesci; Earth Day Italia; Cittadini per il Parco; Cittadini Campani per un Piano Alternativo dei Rifiuti; “IL PONTE”  Ass. Socio Culturale Ambientalista e Sportiva; Comitato La Ginestra; Associazione Italiana Sicurezza Ambientale sezione Ercolano; AISA sez, Portici; Miglio d’Oro Art; Rete dei Comitati vesuviani; Asd Arend; comitato piazza Carlo III e Palazzo Fuga; La Grotta di Guizzo Azzurro; Collegamento Campano Contro Tutte Le Camorre; Ass. ONLUS “G.Franciosi”. Media Partner: Radio Siani e l’Inkiesta Napoli.

L’iniziativa è patrocinata dal Parco nazionale del Vesuvio, dal comune di Napoli e dai tredici comuni dell’area del Parco Nazionale del Vesuvio.